Vendere Casa

Novità in atto notarile. Arriva il deposito prezzo presso il notaio, una tutela per l’acquirente, ma come tutelare il venditore?

Postato il Aggiornato il

casa-soldi

Cosa è cambiato nelle compravendite immobiliari con le nuove norme relative al deposito prezzo presso il notaio?

Ce lo spiega il Notaio Dott. Adriano Baratteri in questo articolo.

La Legge 124/2017 (Legge sulla concorrenza), ai commi 63 e ss. dellart. 1, ha introdotto nuove norme relative al deposito prezzo della compravendita presso il Notaio ed all’obbligo di versamento, su uno specifico conto corrente dedicato, di tutte le somme dovute, a titolo di tributi, per i quali il notaio sia sostituto d’imposta.

Pertanto il notaio è tenuto a versare su detto conto corrente:

  • il denaro ricevuto dai clienti per il pagamento delle imposte;
  • e, “in caso di richiesta di una delle parti”, il saldo del prezzo che l’acquirente deve corrispondere al venditore fino a quando l’acquisto si sia perfezionato senza subire gravami (ipoteche giudiziali, pignoramenti, sequestri, ecc.).

Si tratta di un conto che ha delle caratteristiche ben definite dal legislatore in quanto è intestato al notaio ma è, di fatto, al di fuori del suo patrimonio.

Le somme di denaro confluite nel “conto dedicato” non potranno essere utilizzate dal notaio e lo stesso non potrà lucrare interessi; inoltre, le giacenze di tale conto corrente sono impignorabili dai creditori personali del notaio, non fanno parte della successione del notaio e non entrano nel regime di comunione dei beni in cui il notaio si trovi.

Pertanto, mentre è sempre obbligatorio il deposito delle imposte, tasse e spese dell’atto, sul predetto conto, il deposito del prezzo su tale conto è meramente eventuale (in quanto l’obbligo deriva dalla richiesta di almeno una parte).

Nella maggior parte dei casi, tale richiesta proviene dall’acquirente poiché la norma tutela quest’ultimo.

In base alla predetta normativa, le parti possono, tuttavia, omettere la richiesta del deposito del prezzo sul conto dedicato e, in tale ipotesi, il notaio non dovrà procedere al versamento di tale somma sul conto considerato.

Tuttavia, l’acquirente che volesse bloccare la vendita e rendere pure il venditore inadempiente (rispetto ad un preliminare pregresso) potrebbe, in taluni casi, richiedere tale versamento.

Infatti, con il versamento del prezzo presso il conto di cui sopra, l’ipoteca iscritta sull’immobile, ad esempio, spesso non potrà essere cancellata.

Quindi, è di grande importanza, per il venditore, definire, in anticipo, la sorte del prezzo, onde evitare di incorrere in notevoli problemi al momento della stipulazione dell’atto di vendita.

Il modo più semplice per realizzare questa tutela è quello di prevedere, nel contratto preliminare, la rinunzia al predetto deposito da parte dell’acquirente.

Si potrebbe, tuttavia, dubitare della liceità di tale clausola, state il fatto che la legge sembra voler salvaguardare la libertà dell’acquirente di operare una scelta fino alla stipulazione del contratto definitivo.

A nostro avviso riteniamo, prima che vi siano posizioni consolidate da parte della giurisprudenza, che sia possibile introdurre, nei contratti preliminari, clausole con le quali il venditore e l’acquirente rinunciano, preventivamente, a depositare il corrispettivo della vendita sul “conto dedicato”, stante il fatto che trattasi, comunque, di materia non inderogabile in senso assoluto.

© Riproduzione riservata

Dott. Avv. Adriano Baratteri

Notaio in Martinengo (BG)

Professore a contratto presso l’Università degli Studi di Trento

Via Primo Maggio n. 6 – 24057 Martinengo (BG)

Tel. 0363.94.72.80/90.45.14 – Fax 0363.28.45.06/94.85.74 – Mail: abaratteri@notariato.it

Ufficio secondario : Via Goito n. 28 – 24047 Treviglio (BG)

Tel. 0363.30.50.06/59.86.24 – Fax 0363.28.45.16 – Mail: notaio@baratteri.it

Annunci

L’utilizzo dei social nelle Vendite Immobiliari

Postato il Aggiornato il

20292796_877034712447327_3084141159339340406_nQuesti sono i dati Mondiali di utilizzo dei social network…

Considerando che la popolazione mondiale è di circa 7,4 miliardi di persone di cui il 35% è presente on-line (praticamente il 90% della popolazione dei paesi sviluppati), siamo sicuri che investire nel marketing on line stia diventando e diventerà più redditizio che col marketing tradizionale!!!

Bisogna però conoscere bene le tecniche di marketing (altrimenti si buttan via solo soldi e basta).

La nostra azienda a differenza di ogni agenzia tradizionale è in grado di lavorare a 360 gradi per la visibilità e sponsorizzazione on-line e off-line dei Vostri immobili. Concentrandosi solo sulle persone a cui potrebbe interessare l’immobile pubblicizzato.

In Italia purtroppo la percentuale delle aziende immobiliari che è in grado di farlo è ancora bassissima.

Giuseppe Frigerio, CEO & Founder DOMUS REAL ESTATE

 

Hai un immobile oppure un cantiere da Vendere? Chiedici che strategia adotteremo:

Oggi diamo i numeri (web marketing immobiliare)

Postato il Aggiornato il

NumeriNon sto scherzando. In questo articolo voglio rendere pubblici alcuni risultati sul web del nostro gruppo, che da anni ha rinnovato il settore marketing investendo nel web e lavorando su campagne mirate ad un target di clientela che cerca immobili (sia la casa per la vita, sia per investimento) e geolocalizzate nelle zone di riferimento di ogni immobile.

Ovviamente non siamo un brand a livelli nazionali come Immobiliare.it che ha milioni di visite giornaliere e che punta ad avere un numero mastodontico di immobili, il nostro lavoro principale è fatto solo su immobili accuratamente preselezionati (non sponsorizziamo qualsiasi immobile che ci passa sotto gli occhi), creando PER OGNI IMMOBILE una strategia di marketing adatta alla tipologia di clientela e zona.

I numeri si riferiscono ai soli primi 4 mesi del 2017 (dal 1 Gennaio 2017 al 26 Aprile 2017) 

Facebook:

61 Campagne pubblicitarie su facebook

286.234 sono le visualizzazioni (in media 2 a persona) che hanno visto una o più campagne pubblicitarie

15.536 sono le persone che hanno eseguito una azione sulle campagna (dal semplice click a un invio di richiesta)

Google:

6 campagne pubblicitarie su google (e tutti i siti partner)

297.594 impression

3.590 persone che hanno eseguito un’azione sulle diverse campagne

Il nostro sito internet:

8.302 Sessioni
4.919 Utenti che han visitato il sito
14.386 Visualizzazioni di pagina
1,73 Pagine/sessione
Durata sessione media
00:01:29
Frequenza di rimbalzo
56,02%
% nuove sessioni
57,05%

oltre anche alla presenza su portali immobiliari (immobiliare.it, subito.it, ebay case, wikicasa, trovacasa.net, case24.it, icase, globimmo.net, vendesiaffittasi.it, immobilweb.com, Bakeca.it, vendita-affitto.net, cercasicasa.it, tuttoannunci.org, tuttocasa.it, lagazzettaimmobiliare.it)

Tutto questo ha portato a migliorare negli anni le performance di vendita di ogni immobile. Solo l’anno scorso la nostra tempistica media di vendita è stata di circa 112 giorni ad immobile (ricordo che la media nazionale è di circa 180/210 giorni … Lo scrive anche il Sole 24 Ore… leggilo pure cliccando qui  )

FRIGERIO GIUSEPPE (fondatore DOMUS Real Estate)

Che dire? Stai ancora pensando a chi affidare il tuo immobile/cantiere da vendere? 

Scrivici a info@domusrealestate.it e chiedici come faremo a vendere casa tua.

Oppure inviaci un messaggio con whatsapp cliccando QUI

Sei un Agente/agenzia Immobiliare? Vuoi sapere come collaborare con noi per la vendita di terreni edificabili aumentando anche i tuoi guadagni? Scrivici a info@domusrealestate.it

Hai un Impresa Edile/Immobiliare e hai dei terreni edificabili o dei cantieri da vendere? Con il nostro metodo #cantieresicuro #cantierevenduto abbassiamo il rischio di invenduto sul tuo cantiere. Clicca qui e fissa un appuntamento gratuito

I documenti necessari per vendere casa

Postato il Aggiornato il

Documenti necessari per vendere un immobilePer vendere un immobile occorre inizialmente prepararsi alla documentazione necessaria da inoltrare al possibile acquirente oppure all’agente immobiliare a cui affideremo l’incarico a vendere.

In questo articolo spiegheremo ed elencheremo tutta la documentazione necessaria per vendere casa.

Documenti che attestano proprietà

  • Copia atto notarile di acquisto
  • Dichiarazione di successione e relativi documenti (per gli immobili pervenuti in successione)
  • Nota di trascrizione
  • Regolamento di condominio (ove presente)
  • Contratto di locazione (Se l’immobile è locato a terzi)
  • Certificato di stato libero o estratto riassunto dall’atto di matrimonio

Se l’immobile è gravato da ipoteca (in presenza di mutuo)

  • Copia del contratto di mutuo
  • Ricevuta del versamento di estinzione mutuo o l’ultimo bollettino (per i mutui estinti)
  • Eventuale copia dell’atto di assenso alla cancellazione di ipoteca o richiesta di estinzione d’uffici

Regolarità urbanistica

  • Planimetria catastale 
  • Visura catastale
  • Visura ipotecaria
  • Riferimenti al titolo urbanistico (licenza, concessione, permesso a costruire, dichiarazione di inizio attività …)
  • Certificato di agibilità (ove esistente)
  • Attestato di Prestazione Energetica (APE)
  • Certificati di Conformità degli impianti (ove esistenti)

Per gli immobili con condono edilizio

  • Concessione edilizia in sanatoria
  • Tutta la documentazione relativa al condono

Casi particolari

  • Se un coniuge vuole vendere un immobile, occorrerà verificare se vi sia o meno la necessità del consenso dell’altro coniuge.
  • Se un minore o un interdetto sono proprietari di un bene, occorre l’autorizzazione del giudice alla vendita e l’intervento del loro tutore o del genitore o del legale rappresentante
  • Se l’immobile è classificato come “bene culturale” o se è soggetto a particolari vincoli artistico-paesaggistici occorre, in determinate circostanze, l’autorizzazione delle competenti autorità affinché possa essere venduto ed è soggetto alla prelazione all’acquisto da parte della soprintendenza.